Il blog di Sandro Rizzetto

L’importanza dei dati oggettivi nella preparazione atletica

 

OptoJumpSi dice che “nemo propheta in patria” ed infatti ci capita molto più di frequente di vendere le soluzioni Sport LAB di Microgate a clienti lontani migliaia di chilometri che non a quelli a pochi passi da casa nostra.

E quando dico “pochi passi” in questo caso è letterale, visto che uno degli ultimi test atletici su una squadra di calcio e relativo photoshooting si è svolto al nuovo campo di allenamento di Maso Ronco (Appiano).

Target delle valutazioni atletiche con i nostri apparecchi sono stati tre calciatori professionisti del FC Südtirol, squadra militante in Serie C, terza divisione del campionato italiano di calcio.

Oggigiorno non è più pensabile di impostare la preparazione atletica senza avere a disposizione dati oggettivi certi e affidabili che il solo occhio del preparatore o il cronometro “a mano” non possono dare.

Con il sensore inerziale Gyko abbiamo valutato la postura, i carichi di lavoro eccentrico-concentrico nei salti verticali e i profili muscolari con i quali impostare i lavori di potenziamento con i bilancieri.

Con OptoJump Next in versione 2D, golden standard per la valutazione dei salti verticali e dell’analisi della corsa, siamo passati a testare “il controllo” tramite il protocollo drift consistente in 5 salti massimali monopodalici valutando asimmetrie destro/sinistro e difficoltà di controllo negli spostamenti. Di particolare importanza per la prevenzione infortuni, in quanto rileva subito evidenze di debolezza di un arto rispetto ad un altro.

Con il sistema Witty (cronometro Witty·Timer e fotocellule Witty·Gate) abbiamo valutato tramite test di sprint e navetta la velocità e la capacità di accelerazione e decelerazione, di ovvia e fondamentale importanza nel calcio.

Cognitive Training Change DirectionMa è stato con il sistema di semafori intelligenti Witty·SEM che sono emersi i dati più interessanti. L’ambito del Cognitive Training è infatti un settore relativamente nuovo nella preparazione atletica ma che assurgerà sempre più importanza in quanto determinante a fare la differenza tra i top-atlethes.

Se ormai i professionisti sono tutti preparati fisicamente a livello ottimale, il quid di differenza tra un ottimo atleta e un campione fuoriclasse è dato dalla sua “velocità mentale di esecuzione”, ovvero la Brain Speed.

Tramite esercizi che combinano l’agility con decisioni cognitive da prendere in pochi millisecondi, si riesce quindi a valutare non solo l’aspetto fisico ma anche quello mentale, che gli studi sulla neuro plasticità del cervello ci dicono essere allenabile come qualsiasi altro muscolo.

Oggi nello sport non è più possibile fare a meno di dati oggettivi, sembra incredibile ma spesso hanno più dati a disposizione gli utenti del sito di scommesse online che forniscono ai loro utenti centinaia di dati statistici, che non i preparatori atletici, o i medici sportivi, delle squadre.

In inglese esiste un bel modo di dire: “if you not assessing, you’re guessing”. Quanta verità!

  Cognitive Training Agility Cognitive Training Virtual Goalkeeper

Aggiungi Commento

Copyright © 1997-2017 Sandro Rizzetto | All Rights Reserved | Riproduzione delle fotografie vietata | Powered by me